AOD

Liste di attesa

 

 

 

 I criteri di formazione delle liste d'attesa

In coerenza con il Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa per il triennio 2019 – 2021, Regione Lombardia ha individuato le classi di priorità (D.G.R. n. XI/1865 del 09/07/2019) per garantire l’accesso alle prestazioni diagnostiche, terapeutiche e riabilitative di assistenza specialistica ambulatoriale e di ricovero entro tempi di attesa adeguati alle necessità cliniche del cittadino utente del servizio sanitario.

Per ciascuna richiesta di prestazione ambulatoriale o di ricovero il medico, in base alla valutazione clinica, deve indicare nella ricetta la classe di priorità: l’accesso alla prestazione avverrà, quindi, entro il tempo massimo d’attesa definito dalla classe di priorità indicata dal medico prescrittore.

Il tempo massimo d’attesa previsto dalla classe di priorità decorre a partire dal momento in cui l’utente richiede la prestazione, cioè dalla data di prenotazione, ed è calcolato in giorni solari.

 

 

 

Prestazioni specialistiche ambulatoriali

Le classi di priorità applicabili alle prestazioni di specialista ambulatoriale sono le seguenti:

  • U = da eseguire nel più breve tempo possibile e, comunque, entro 72 ore: prestazioni la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo molto breve la prognosi del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità. Devono essere prenotate entro le 48 ore dalla data di prescrizione della richiesta.
  • B (BREVE), da eseguire entro 10 giorni: prestazioni la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo breve la prognosi del paziente o influenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità.
  • D (DIFFERIBILE), da eseguire entro 30 giorni per le visite o 60 giorni per gli accertamenti diagnostici: prestazioni la cui tempestiva esecuzione non condiziona a breve la prognosi del paziente
  • P (PROGRAMMATA) da eseguire entro 120 giorni: prestazioni che possono essere programmate in un maggiore arco di tempo in quanto l’attesa non influenza la prognosi, il dolore, la disfunzione, la disabilità.

La ricetta priva dell’indicazione della classe di priorità (senza contrassegno sulle ricette cartacee) è considerata come prescrizione di una prestazione programmabile (P).

In aggiunta alla classe di priorità, il medico prescrittore dovrà obbligatoriamente indicare sulla ricetta:

  • il quesito diagnostico
  • se trattasi di prestazioni di primo accesso, cioè le prime visite e le prime prestazioni diagnostiche e/o terapeutiche, ovvero quelle che rappresentano il primo contatto del cittadino con il servizio sanitario per un dato problema clinico
  • se trattasi di accesso successivo: visite specialistiche o prestazioni di approfondimento successivi al primo accesso, controlli, follow-up.

Per tutte le prescrizioni contenti prestazioni di primo accesso è obbligatoria l’indicazione della classe di priorità.

Ai fini dell’inserimento in lista d’attesa è importante sapere che:

  • la prenotazione della prestazione deve essere effettuata solo dopo che il medico abbia effettuato la prescrizione su ricetta dematerializzata (c.d. bianca) o cartacea (c.d. rossa), definendo sulla ricetta il quesito diagnostico e la priorità dell’accesso;
  • prima della prenotazione, è necessario accertarsi che l’eventuale esenzione sia stata riportata correttamente dal medico sull’impegnativa (ricetta). In caso contrario, se il cittadino vorrà comunque effettuare la prestazione, verrà richiesto il pagamento del ticket;
  • non è possibile prenotare la medesima prestazione in Strutture diverse;
  • in caso non sia possibile effettuare la prestazione nella data concordata è necessario cancellare tempestivamente la prenotazione, al fine di consentire ad un altro cittadino di usufruire del posto liberatosi in agenda;
  • la preferenza di un ambulatorio, luogo e data, può comportare maggiore attesa;
  • nel caso di mancato ritiro dei referti delle prestazioni effettuate col Servizio Sanitario Regionale, il cittadino è tenuto al pagamento dell’intera prestazione, anche se esente, tranne nel caso in cui abbia consultato il referto in oggetto dal proprio FSE (Fascicolo Sanitario Elettronico https://www.crs.regione.lombardia.it/sanita/).

Per avere maggiori informazioni su come PRENOTARE/ANNULLARE UNA PRESTAZIONE SPECIALISTICA AMBULATORIALE o sul RICOVERO clicca qui.

 

 

Prestazioni di ricovero

Le classi di priorità applicabili alle prestazioni di ricovero sono le seguenti:

  • CLASSE A– Ricovero entro 30 giorni per i casi clinici che possono aggravarsi rapidamente al punto da diventare emergenti o da determinare grave pregiudizio alla prognosi;
  • CLASSE B– Ricovero entro 60 giorni per i casi clinici che presentano intenso dolore, o gravi disfunzioni, o grave disabilità ma che non manifestano la tendenza ad aggravarsi rapidamente al punto di diventare emergenti né possono per l’attesa ricevere grave pregiudizio alla prognosi;
  • CLASSE C– Ricovero entro 180 giorni per i casi clinici che presentano minimo dolore, disfunzione o disabilità, e non manifestano tendenza ad aggravarsi né possono per l’attesa ricevere grave pregiudizio alla prognosi;
  • CLASSE D– Ricovero senza attesa massima definita per i casi clinici che non causano alcun dolore, disfunzione o disabilità. Questi casi devono comunque essere effettuati di norma entro 12 mesi.

Per avere maggiori informazioni su come PRENOTARE/ANNULLARE UNA PRESTAZIONE SPECIALISTICA AMBULATORIALE o sul RICOVERO clicca qui.

Piano di governo dei tempi di attesa

Obiettivo prioritario del governo delle liste di attesa deve essere, in generale, facilitare l’accesso alle cure, razionalizzare le risorse, garantire la flessibilità dell’offerta.

A tal fine, con periodicità stabilita dalla Regione, l’ASST del Garda redige il Piano di Governo Aziendale dei Tempi d’Attesa, in accordo con quanto previsto dal Piano Attuativo sui tempi d’attesa redatto dall’ATS di Brescia e in ottemperanza alla normativa vigente in materia. Tale documento contiene gli interventi programmati sul sistema di prenotazione, sulla capacità di erogazione e sul sistema di monitoraggio finalizzata al contenimento dei tempi d’attesa delle prestazioni sanitarie.

 

Piano di Governo ASST GARDA – 1 semestre 2020

 

Cosa può fare il cittadino per aiutare a ridurre i tempi di attesa

  • Non prenotarsi presso più Strutture per la medesima prestazione; il sistema regionale di prenotazione effettua controlli e cancella in automatico il primo appuntamento;
  • Effettuare la prenotazione solo quando si è in possesso della prescrizione del medico, completa di quesito diagnostico, classe di priorità ed eventuale codice di esenzione;
  • Nell’impossibilità di presentarsi a una visita o a un esame, disdire la prenotazione tempestivamente, con almeno tre giorni lavorativi di anticipo rispetto alla data dell’appuntamento, in modo da consentire ad un altro cittadino di usufruire del posto liberatosi in agenda;
  • In caso di mancata disdetta entro i termini sopra indicati potrà essere richiesto il pagamento della quota di partecipazione al costo della prestazione (ticket), secondo il vigente tariffario di Regione Lombardia

Per avere maggiori informazioni su come PRENOTARE/ANNULLARE UNA PRESTAZIONE SPECIALISTICA AMBULATORIALE o sul RICOVERO clicca qui.

 TEMPI MEDI DI ATTESA DELL’AZIENDA SOCIO-SANITARIA DEL GARDA

I medi tempi di attesa indicano i giorni che mediamente intercorrono tra la data di prenotazione e quella dell’appuntamento assegnato per l’erogazione di una prestazione sanitaria. In ottemperanza alle disposizioni di Regione Lombardia in tema di rilevazione dei Tempi di Attesa (D.G.R. n. XI/1865 del 09/07/2019), mensilmente le Strutture Sanitarie monitorano i tempi di attesa di un elenco di prestazioni (ambulatoriali e di ricovero) individuate a livello regionale e nazionale.

Tali tempi hanno lo scopo di fornire un’indicazione generale di orientamento per i cittadini nella scelta della struttura ove eseguire una prestazione nel tempo il più possibile consono alle proprie esigenze.

I dati sotto riportati, pertanto, si riferiscono esclusivamente alle prestazioni che sono oggetto di monitoraggio della rilevazione mensile dei tempi di attesa effettuata da Regione Lombardia.

 

Tempi d’attesa ASST del Garda – Dicembre 2022

 

Per consultare le prime disponibilità dell’intera offerta sanitaria lombarda, vai sul portale di Regione Lombardia Prenota online

Responsabile del contenuto
RUA - Dr.ssa Georgia Martignone, Responsabile Unico Aziendale dei Tempi d'Attesa
Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre 2022