Ospedale di Desenzano
Home - OspedaliChirurgia generale

Chirurgia generale

Direttore: Dr. Ruben Carlo Balzarotti Canger

Infermiere Coordinatore Chirurgia: Irma Maria Memeo

 

 

 

Contatti

 TELEFONO Chirurgia : 0365.378.239
 EMAIL chirurgia.gavardo@asst-garda.it

 

Ubicazione:

Chirurgia: 4° piano – padiglione nuovo

 EQUIPE

È costituita da Medici, Infermieri, Personale di supporto all’assistenza, Personale Amministrativo.

 

Dr. Sergio Alba Medico
Dr.ssa Monica Catia Rita Busti Medico
Dr. Diego Cimaschi Medico
Dr. Amedeo Marando Medico
Dr. Luca Tabarelli Medico
Dr. Luca Turati Medico
Dr. Giulio Cesare Vitali Medico
Dr. Gianpietro Zabbialini Medico
Dr.ssa Chiara Zugni Medico

 PRESTAZIONI

La U.O. di Chirurgia  ospita degenti in regime di ricovero ordinario provenienti dal Pronto Soccorso per patologie acute dell’addome (occlusione intestinale, peritonite, colica biliare e colecistite, pancreatite acuta, emorragie,…) o in seguito a traumi toraco-addominali oppure persone ricoverate per interventi chirurgici programmati per patologia di parete (ernie e laparoceli), proctologica, venosa (varici degli arti inferiori) e per patologia viscerale addominale di natura funzionale/infiammatoria (ernia iatale, litiasi della colecisti e delle vie biliari, pancreatite cronica, malattia infiammatoria e diverticolare intestinale, problematiche del pavimento pelvico) e chirurgia oncologica (in particolare stomaco e colon-retto).

 

A seconda della tipologia di intervento, della sua complessità e delle condizioni del paziente, l’intervento può essere eseguito in regime di ricovero ordinario, day surgery o ambulatoriale protetto.

 

L’approccio mini invasivo laparoscopico trova applicazione di routine per interventi chirurgici di bassa (colecistectomia, appendicectomia, rafia di ulcera gastro-duodenale perforata, plastica di ernie inguino-femorali monolaterali complicate, bilaterali e recidive, plastica di ernie postoperatorie/laparoceli), media (ernia iatale, gastrectomia parziale, splenectomia, litiasi della via biliare principale, colectomia destra e sinistra) e, là dove ritenuta indicata e possibile a seconda della situazione patologica specifica e delle condizioni conformazionali particolari del paziente, alta complessità (gastrectomia totale e subtotale, pancreasectomia sinistra, epatectomia minore e maggiore, resezione totale del mesoretto).

 

Per quanto riguarda la chirurgia delle varici degli arti inferiori, si adotta un approccio di tipo conservativo emodinamico (CHIVA) con risparmio del patrimonio venoso e con interventi mininvasivi eseguiti in anestesia locale, in accordo con le più recenti raccomandazioni internazionali.

 

In collaborazione col servizio di dialisi, vengono eseguite fistole artero-venose in pazienti affetti da insufficienza renale terminale.

 

Presso la nostra U.O. viene implementato il concetto di fast track surgery adottando tutti gli accorgimenti possibili per rendere il più confortevole e rapido il recupero postoperatorio, evitando nel limite del possibile manovre invasive inutili. Fondamentali a questo riguardo sono la scelta dell’anestesia (spinale e peridurale) in alternativa all’anestesia generale, l’eliminazione o rimozione precoce del sondino naso-gastrico, l’analgesia postoperatoria con catetere peridurale o PCA (analgesia controllata dalla persona assistita), l’assenza o la rimozione precoce di cateteri e drenaggi, l’assenza di punti di sutura da rimuovere e di medicazioni, una precoce rialimentazione.

 

Presso la nostra U.O. viene implementato il concetto di fast-track-surgery (ovvero di corsia preferenziale) per ridurre al minimo lo stress dell’attesa pre-operatoria, soprattutto per patologia maligna, ed adottando tutti gli accorgimenti possibili per rendere il più confortevole e rapido il recupero post-operatorio. Fondamentali a questo riguardo sono la scelta dell’anestesia (spinale e peridurale) in alternativa all’anestesia generale, l’eliminazione o rimozione precoce del sondino naso-gastrico, l’analgesia post-operatoria con catetere peridurale o PCA (analgesia controllata dalla persona assistita), la rimozione precoce di cateteri e drenaggi, ed una precoce alimentazione.

 

La U.O. ospita persone sottoposte ad interventi di Chirurgia Bariatrica o dell’Obesità.

 

L’U.O. offre numerose attività ambulatoriali che comprendono:

  • visite specialistiche di Chirurgia Generale;
  • visite specialistiche di Proctologia;
  • diagnostica vascolare non invasiva (eco-color-doppler) e chirurgia delle varici;
  • medicazioni semplici e avanzate (compresi cicli di medicazioni per ulcere degli arti inferiori);
  • piccoli interventi chirurgici in anestesia locale;
  • ambulatorio stomie

Ambulatorio stomie
E’ rivolto a pazienti portatori di stomia intestinale e garantisce un percorso di cure completo e un corretto piano assistenziale che faciliti il graduale ritorno alle normali attività favorendo così il benessere e il reinserimento nella vita familiare, sociale e lavorativa.
La presa in carico del paziente sottoposto a intervento chirurgico nel Reparto di Chirurgia di Gavardo avviene tramite appuntamento fissato direttamente dall’infermiere referente all’atto della dimissione. Il paziente operato presso altra struttura può accedere prenotando al CUP aziendale (030.9037555) con impegnativa del Medico di Medicina Generale o altro Medico Specialista che riporti la specifica dicitura “medicazione avanzata”.
E’ attivo ogni giovedì dalle ore 13,30 alle 15,30.

 

L’attività ambulatoriale (per quanto riguarda le visite specialistiche di Chirurgia Generale) si svolge, oltre che nella sede principale dell’Ospedale di Gavardo, anche sul territorio, negli ambulatori di Nozza di Vestone, Salò e Gargnano.

 

Modalità di accesso

Il ricovero urgente avviene attraverso il Pronto Soccorso.
Il ricovero programmato è disposto da uno specialista dell’Azienda a seguito di valutazione clinica ambulatoriale.

 

L’attività ambulatoriale può essere prenotata:

PRESTAZIONI CON IL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE
PRESTAZIONI IN LIBERA PROFESSIONE

 

 

 INFORMAZIONI UTILI

Gli interventi programmati sono generalmente preceduti da un percorso di pre-ricovero, durante il quale vengono eseguiti tutti gli accertamenti diagnostici e le visite specialistiche necessari all’intervento chirurgico.